Esame di terza media: si torna alle modalità di valutazione pre-Covid

La scuola, come ogni ambito, è stata soggetta a numerosi smottamenti e cambiamenti a causa della pandemia da Covid-19. E come per ogni altro settore, dopo un lungo periodo di confusione, si torna alla “normalità”. Il 7 febbraio scorso una nota ministeriale ha confermato che per l’anno scolastico 2022/2023 anche l’esame di stato del primo ciclo torna ad avere tre prove scritte e un colloquio finale. 

L’obiettivo del Ministro dell’Istruzione e del Merito, Valditara, è quello di valorizzare le capacità degli studenti, e lo ha confermato scrivendo una lettera diretta ad alunni e genitori in cui si legge: “II sistema scolastico deve farsi consigliere delle famiglie: genitori, studenti, docenti e istituzioni devono formare una grande alleanza e collaborare per valorizzare i talenti di ogni singolo studente”. Dunque, anche la nuova struttura degli esami di terza media è sintomatico di un cambiamento. 

Come cambiano gli esami di terza media

Nell’estate del 2020 l’esame di terza media si era ridotto, necessariamente, a un colloquio da remoto tra alunni e insegnanti. Le prime fasi della pandemia hanno indotto le istituzioni ad adottare importanti cautele che prevedevano, in primis, il distanziamento sociale. Oggi, a distanza di tre anni, le condizioni permettono gli esami in presenza; saranno infatti tre le prove per le ragazze e i ragazzi delle scuole medie più un colloquio finale. 

La prima prima prova è rappresentata da uno scritto di italiano o della lingua nella quale si svolge l’insegnamento (testo narrativo o descrittivo, testo argomentativo o comprensione e sintesi di un testo); la seconda invece riguarda le competenze logico-matematiche, mentre la terza si riferisce alle lingue straniere studiate durante il triennio.

Il colloquio finale è strutturato in modo che si possano misurare le competenze acquisite nelle varie materie e lo sviluppo del pensiero critico degli studenti. 

Il voto finale, probabilmente l’elemento più temuto da chi deve affrontare un esame, è dato dalla media del voto di ammissione con la somma delle valutazioni fornite alle tre prove. I più informati sapranno che è anche possibile aspirare alla lode, proprio come accade per l’esame di maturità e l’esame di laurea. Ad ottenerla possono essere i più meritevoli, quelli che non solo hanno ottenuto il massimo alle singole prove, ma anche durante il triennio hanno dimostrato di avere una preparazione e competenze adeguate.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

“Dentro e fuori dal ring”: Blandamura presenta in Campidoglio il nuovo libro scr...

Grandi ospiti, una platea entusiasta, una cornice spettacolare: la presentazione del libro “Dentro e fuori dal ring: non conto le vittorie, ma le scon...

Wimbledon: sconfitta in finale per Jas Paolini, ma che momento per il tennis ita...

Sfuma il sogno di Jasmine Paolini di alzare in cielo il trofeo di Wimbledon. La toscana classe 98’ cede in finale per tre set (6-2, 2-6, 6-4) contro l...

Al CONI va in scena la terza edizione delI’Invictus Day: “Mandela from Rom...

“Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di ispirare, di unire le persone in una maniera che pochi di noi possono fare. Parla ai giov...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news