Giornata mondiale dell’ambiente: Legambiente punta sui giovani e l’editoria

Il 5 giugno di ogni anno, dal 1972, si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente. La ricorrenza, promossa dalle Nazioni Unite, intende sensibilizzare e informare sulla salvaguardia di tutti gli elementi che compongono il sistema natura, clima e atmosfera.

Per il 2024 il tema designato è “Our land. Our future. We are #GenerationRestoration”, uno slogan che mette al centro il rapporto, la sinergia, tra essere umano e Pianeta, puntando i riflettori sulla lotta alla desertificazione e alla tutela della biodiversità. Un monito volto a ricordare che anche il più piccolo gesto può generare un cambiamento e tornare utile alla causa. Al fine dunque di promuovere una partecipazione attiva e consapevole, realtà come Legambiente da anni danno vita a iniziative creative e concrete come, ad esempio, il Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente.

Legambiente: Un Libro per l’Ambiente

Cultura e ambiente un connubio imprescindibile. Il motivo, che va oltre la semplice divulgazione, è illustrato bene da Legambiente con il progetto Premio Nazionale Un Libro per l’Ambiente che intende acuminare la consapevolezza nei confronti dei temi ambientali e sociali in particolar modo tra le nuove generazioni. Non a caso la giuria è composta da 700 ragazzi di età compresa tra gli 8 e 13 anni chiamati a valutare le diverse sezioni (come divulgazione e narrativa) e ad affinare le competenze affinché possano acquisire strumenti sempre più innovativi da applicare alla causa. 

D’altronde, il futuro è dei giovani, delle ragazze e dei ragazzi che si affacciano al mondo con l’entusiasmo e l’incoscienza necessari per affrontare nuove sfide. Spetta a loro il compito più arduo: curare e rispettare il Pianeta che ci ospita meglio di chi ha dovuto farlo prima. Perché sì, nonostante sia il 2024 e siano state sviluppate tecnologie incredibili, il pericolo di un collasso definitivo non è così remoto, tutt’altro.

Lo scorso aprile Simon Stiell, capo esperto di clima delle Nazioni Unite, ha dichiarato in maniera perentoria, durante un evento pubblico a Londra, che il tempo a disposizione per salvare la Terra sta per terminare. Si tratta di un vero e proprio ultimatum quello lanciato da Stiell: due anni per invertire la rotta e sperare che basti. Altrimenti, i record legati alle emissioni di CO2 e l’innalzamento delle temperature potrebbero decretare la fine per la specie umana e animale a causa di eventi climatici impossibili da arginare e gestire. 

Allora, il punto di partenza, anzi, di ripartenza è rappresentato dalle nuove generazioni. E uno dei modi migliori per consentire loro di comprendere l’urgenza di interventi concreti e consapevoli si riflette nella cultura, nei libri, nelle letture di settore. I due volumi che per questa edizione del premio targato Legambiente hanno conquistato il titolo sono: Lupi. Storie vere.M.Figura, A. Mizielinska, D. Mizielinski, editore L’Ippocampo; Papere contro la mafia, A. Ferrara, Edizioni Interlinea, proposte, per l’appunto, dal valore informativo e sociale di grande spessore (PER APPROFONDIRE, E CONOSCERE TUTTE LE PROPOSTE, CLICCA QUI). 

“L’insindacabile giudizio dei più giovani”

Durante la cerimonia che ha decretato i vincitori sono intervenuti i vertici di Legambiente Scuola e Formazione offrendo una panoramica sulle motivazioni che consentono a questa particolare attività di avere un posto riservato sempre più speciale nell’ambiente editoriale, ma non solo. 

Si tratta, come spiega Elena Ferraio, Presidente di Legambiente Scuola e Formazione, di “un percorso di cittadinanza attiva dove i libri diventano uno strumento di confronto e riflessione sui temi ambientali e sociali più attuali. L’insindacabile giudizio dei più giovani, li rende protagonisti di una vera inversione di ruoli, dove l’ultima parola per decretare i migliori libri per l’ambiente è la loro”.

Poi ha aggiunto: “Se da una parte il progetto negli anni è diventato un vero osservatorio degli interessi dei più giovani, dall’altra favorisce lo sviluppo di una coscienza sensibile alla cultura del rispetto ambientale e dei suoi effetti sociali”.

Marcella Cuomo, responsabile Legambiente Scuola e Formazione Marche, ha posto l’accento più specificatamente sulla funzione sociale del Premio: “Temi di grande attualità e complessità, come la vita del magistrato Falcone, la rocambolesca fuga dal confino del deputato Emilio Lussu passando per una riflessione sul consumismo, la lotta di classe, il rapporto tra generazioni e il valore dell’istruzione, sono stati affrontati dalla giovane giuria che ha valutato i testi della sezione narrativa”.

Poi un approfondimento sui diversi generi che compongono la proposta: “Altrettanto articolata è stata la scelta del miglior libro per la sezione divulgazione scientifica che ha condotto i giovani lettori tra stili differenti: grafic novel, fumetti e uniche illustrazioni, accompagnano il rigore scientifico a divertenti curiosità. Da anni il progetto Un Libro per l’Ambiente dedicato ai ragazzi apre le porte ad una profonda riflessione anche a chi più piccolo non è”.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Ranieri Salvini, il calcio in Sudafrica e l’umanità di una pelota che R...

“La pelota no se mancha”. Con queste parole, pronunciate dinanzi ai suoi fedeli che erano presenti alla Bombonera (Stadio Alberto José Armando di Buen...

Torna al Foro Italico per la IX edizione “Tuffi Adapted”: il Campionato di tuffi...

Tuffi senza barriere, “Tuffi Adapted”: questo il titolo dell’iniziativa sportiva inclusiva dedicata alla disciplina acquatica - giunta ormai alla IX e...

Erasmus+ 2021-27 e oltre: ENGSO in prima linea per il futuro dello sport di base...

Giunti già alla metà del settennato del programma Erasmus+ 2021-2027, la Commissione Europea dovrà effettuare, entro il 31 dicembre 2024, la valutazio...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news