“Respirare il mare… e non solo”, a Santa Marinella una giornata di sensibilizzazione sulle malattie allergiche e respiratorie

I benefici sono noti. Il mare, come affermano pneumologi, pediatri o medici di base, può essere terapeutico e rappresentare un toccasana per la salute di adulti e, soprattutto, di bambini. Il motivo non è legato esclusivamente alle alte concentrazioni di iodio che contrastano l’ingrandimento della tiroide ed evitano danni al sistema nervoso centrale o periferico. Bensì, deve essere ricercato in un quadro che ha dimensioni più ampie. Che contempla sia la salute e la funzionalità polmonare sia lo sviluppo ed il benessere psico-fisico dell’individuo. Respirare il mare e la sua aria, insomma, è più di un semplice consiglio o invito. Domenica 23 giugno, sarà il leitmotiv di un’intera giornata.

Presso il porto turistico Marina di Santa Marinella, dalle ore 10:00 alle 18:00, si terrà la XVII edizione di “Respirare il mare… e non solo”, una veleggiata che costituisce il momento clou del progetto “Asma e Allergie: la cassetta degli attrezzi”.

“Respirare il mare… e non solo”, un evento che fa parte di un progetto su asma e allergie

Ideata da Sandra Frateiacci, già responsabile del dipartimento salute di OPES, e promossa dall’Associazione di Promozione Sociale ALAMA (Associazione Liberi dall’Asma, dalle Malattie Allergiche, atopiche, respiratorie e rare), con il coinvolgimento e la collaborazione di ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, l’ISS – Istituto Superiore di Sanità – Dipartimento di Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria (AMPP) e Centro Nazionale per la Valutazione dei Prodotti Immunobiologici (CRIVIB) nonché della ASL Roma 2 – Dipartimento di Prevenzione UOC SISP e SPRESAL Gruppo di lavoro IAQ per l’area progettuale “Prevenzione e inclusione Sociale”, l’iniziativa è interamente dedicata alle scuole di ogni ordine e grado. Il suo scopo è quello di sensibilizzare ed informare il personale scolastico, gli alunni e i loro familiari sulle malattie allergiche e respiratorie e sull’importanza di conoscere i fattori di rischio ambientali e comportamentali che possono far insorgere o aggravare tali patologie.

Perché fondamentale coinvolgere il mondo scolastico?

La gravità delle reazioni allergiche, quali l’anafilassi e l’attacco acuto di asma, potrebbe determinare nell’arco di pochi minuti esiti potenzialmente fatali. Da qui l’importanza di far conoscere queste patologie e, al tempo stesso, di creare nell’opinione pubblica consapevolezza dei rischi.

Come vuole sottolineare ALAMA APS, è primario che, anche a scuola, vengano adottate tutte le misure di prevenzione necessarie a favorire ambienti sani e comportamenti corretti, tanto da parte degli adulti quanto dei compagni di classe dello studente affetto da asma o da altre patologie allergiche di tipo respiratorio. Solo conoscendo determinate situazioni o dinamiche, è possibile bloccare sul nascere anche quei comportamenti che tendono ad escludere un giovane studente dal gruppo dei suoi pari.

Come partecipare a Respirare il mare

L’evento velico “Respirare il mare… e non solo” è gratuito e di fatto chiude le attività progettuali annuali, donando un gioioso e spensierato momento di comunità e serenità a chi si trova a vivere situazioni di difficoltà. Chi volesse partecipare è chiamato ad effettuare la registrazione (per iscriversi: http://shorturl.at/hGQ27 ).

 

Clicca qui per scaricare la locandina

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Ranieri Salvini, il calcio in Sudafrica e l’umanità di una pelota che R...

“La pelota no se mancha”. Con queste parole, pronunciate dinanzi ai suoi fedeli che erano presenti alla Bombonera (Stadio Alberto José Armando di Buen...

Torna al Foro Italico per la IX edizione “Tuffi Adapted”: il Campionato di tuffi...

Tuffi senza barriere, “Tuffi Adapted”: questo il titolo dell’iniziativa sportiva inclusiva dedicata alla disciplina acquatica - giunta ormai alla IX e...

Erasmus+ 2021-27 e oltre: ENGSO in prima linea per il futuro dello sport di base...

Giunti già alla metà del settennato del programma Erasmus+ 2021-2027, la Commissione Europea dovrà effettuare, entro il 31 dicembre 2024, la valutazio...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news