Tutta la comunità educante di Torino si dà appuntamento a SBAM

Cresce l’attesa per le giornate di SBAM dedicate allo stile di vita sano. In una Torino che resiste alle nuvole grigie e che attende nelle prossime ore il sole, i 22 gradi centigradi ed il leggero soffio del Maestrale, capace di spingere via le cellule temporalesche, ogni angolo della città ricorda ai cittadini che sabato 27 e domenica 28 maggio, in Piazza Castello, si potrà vivere un lungo weekend all’insegna dei 4 pilastri dell’iniziativa promossa ed organizzata da OPES: Sport, Benessere, Alimentazione e Movimento, unendo a tutto questo anche il gioco libero all’aperto.

La particolarità è che l’evento targato SBAM sarà totalmente gratuito, inclusivo ed accessibile a tutti. Bambini e adulti, giovani, amici, famiglie, sportivi, atleti, appassionati, semplici curiosi e tutte quelle persone che vogliono intraprendere un percorso verso una migliore qualità della vita, grazie a delle sane abitudini, sono pronti ad invadere le 4 aree che circondano Palazzo Madama. Sarà una festa, sarà pura gioia, sarà soprattutto un incontro ed un momento di condivisione per tutti i protagonisti della comunità educante.

Tutta la comunità educante sostiene SBAM

Gli oratori sono stati chiamati – come ha ribadito Don Luca Ramello, direttore dell’Ufficio per la Pastorale dei Giovani e dei Ragazzi della Diocesi di Torino -, gli oratori di tutta la Diocesi di Torino ci saranno e metteranno in campo le loro eccellenze, che sono tre: le relazioni, perché l’oratorio è fatto di relazioni e qui le riscopriamo, soprattutto dopo le fatiche della pandemia; lo stare in piazza, lo stare all’aperto, non per andare contro qualcuno ma per vivere la città come casa, come responsabilità comune; ed infine, il corpo. Sappiamo che ci sono tanti ragazzi che stanno chiusi in casa e che non escono, che fanno fatica e sappiamo le problematiche del corpo. Questa esperienza all’aperto in cui si condivide il proprio corpo, che significa la propria persona, è una grande occasione. Allora, dico che gli oratori sono contenti di fare l’oratorio in piazza”.

Don Luca Ramello a SBAM
Don Luca Ramello, direttore dell’Ufficio per la Pastorale dei Giovani e dei Ragazzi della Diocesi di Torino

Vivere la città, ma soprattutto vivere secondo i corretti stili di vita

Forse, la definizione più corretta per la due giorni in piazza Castello arriva proprio dalle parole dei direttore della Pastorale. SBAM è vivere la città, ma soprattutto vivere la propria vita con grande senso di responsabilità, secondo i corretti stili di vita, i veri valori dello sport, come l’inclusione, l’integrazione, l’equilibrio, la gioia, il sacrificio ed il rispetto, e senza rinunciare al proprio benessere psico-fisico.

Una volta all’interno del perimetro della seconda piazza più estesa di Torino, infatti, i partecipanti potranno provare diverse discipline sportive, assistere a cooking show, apprendere informazioni o ricevere consigli utili per una dieta sana ed equilibrata, mettersi in gioco in tutti i sensi, provare trattamenti olistici o effettuare visite specialistiche, partecipare a talk show e ad attività di animazione, condividere emozioni ed esperienze insieme ad altre persone, oltre che accanto ai propri cari.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Luglio in politica: dall’UE, agli USA, passando per le elezioni in Ruanda

A inizio anno, in un lungo editoriale, vi avevamo raccontato che sarebbe stato un 2024 ricchissimo per la politica internazionale: il 51% degli abitan...

Ranieri Salvini, il calcio in Sudafrica e l’umanità di una pelota che R...

“La pelota no se mancha”. Con queste parole, pronunciate dinanzi ai suoi fedeli che erano presenti alla Bombonera (Stadio Alberto José Armando di Buen...

Torna al Foro Italico per la IX edizione “Tuffi Adapted”: il Campionato di tuffi...

Tuffi senza barriere, “Tuffi Adapted”: questo il titolo dell’iniziativa sportiva inclusiva dedicata alla disciplina acquatica - giunta ormai alla IX e...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news