Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: Valencia ricorda le vittime del 2023

Lo scorso 25 novembre in tutte le piazze del mondo si sono svolte manifestazioni per la Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza sulle Donne. Manifestazioni che ogni anno di più assumono ulteriore i valore e vedono aumentare la partecipazione di persone, a prescindere dal genere di appartenenza o dall’età. Ciò è dovuto da un lato alla sensibilizzazione su cui si lavora per tutto l’anno; dall’altro rappresenta il risultato dei numeri allarmanti inerenti alle vittime, in Italia come all’estero.

Proprio in Italia, quest’anno, le manifestazioni sono state particolarmente partecipate per via della tragica vicenda di Giulia Cecchettin; episodio che ha sconvolto il Paese, suscitando forti emozioni. La storia di Giulia è la storia di altrettante donne che continuano a morire e a subire violenza (sotto diverse forme) da parte di uomini.

Le manifestazioni all’estero: la partecipazione della città di Valencia

In quanto volontarie all’estero del Servizio Civile di OPES Aps, precisamente a Valencia, abbiamo deciso di essere parte attiva e di partecipare alla manifestazione di sabato 25 novembre. Nel Pais Valenciano, durante tutta la settimana, si sono svolti incontri ed eventi sul tema della violenza di genere, preparando il campo ai diversi raduni previsti a Castellón, Alicante, Gandía e naturalmente a Valencia.

Valencia
Figura 1: Esposizione di tele nei giorni precedenti al 25N a Mislata (Valencia)

Ore 18:00 a Porta del Mar (nel quartiere centrale di Colón), appuntamento di ritrovo stabilito dalle diverse associazioni e organizzazioni per un fiume umano colorato di nero e viola. Al nostro arrivo abbiamo riscontrato determinate sigle nelle bandiere che sventolano in piazza: Intersindical Valenciana – Dones, Pcpe (Partido Comunista de los Pueblos Españoles, Podem, Cgt (Confederación General del Trabajo), Eu (Eusquerra Unida) e tantissime altre.

Il corteo è iniziato subito dopo, sfilando per la centralissima via Colón, poi nelle zone Xàtiva e Marqués de Sotelo per giungere infine a Piazza del Ayuntamiento. Un corteo a cui hanno partecipato persone di ogni età e sesso, che è divenuto sempre più grande fino all’arrivo nella piazza centrale.
Abbiamo, inoltre, incontrato anche tanti italiani, in particolare Silvia (nome di fantasia) che da anni vive e lavora a Valencia.

L’impegno di Silvia e delle sue amiche

Silvia e il suo gruppo di amiche hanno preparato dei cartelloni eloquenti con i motti che nei giorni precedenti hanno caratterizzato la comunicazione in Italia: “Si mañana no vuelvo destruyelo todo” e ancora “Per Giulia, per le altre 105 vittime di femminicidio in Italia nel 2023”. Quest’ultimo in italiano per dimostrare sostegno alla vicenda, con l’obiettivo di renderla nota anche in Spagna.

Valencia
Figura 2: Manifestanti italiane a Valencia

Una volta giunti a Piazza del Ayuntamiento, abbiamo trovato sempre più persone raccolte davanti al Comune al grido di “Non è una festa, è una protesta” (pronunciato rigorosamente in valenziano).

Si è dato spazio, quindi, alla condivisione di riflessioni sulle violenze che persistono nella penisola iberica, a cui è seguito uno dei momenti più toccanti della manifestazione: la lettura di tutti i nomi delle vittime del 2023. Ad ogni nome è risuonato un colpo di tamburo ed è stato deposto un fiore su un tappeto viola, con su scritti tutti i nomi.

Valencia
Figura 3: Tappeto dei nomi delle vittime di femminicidio in Spagna

Una voce che è risuonata forte, da Roma a Valencia, rimbalzando per il mondo intero

Verso le ore 20:00 la folla ha iniziato a sciogliersi, ma i pensieri condivisi, le testimonianze e gli incontri fatti, li portiamo addosso, negli occhi, continuando a riflettere su quanto la tragedia dei femminicidi sia forte e presente in tutto il mondo. A Valencia, come a Roma e come nel resto del mondo, la voce delle donne e degli uomini che si battono contro il patriarcato e il femminicidio è risuonata forte, per le vittime conosciute e le vittime silenziose, con l’auspicio di accendere ogni giorno i riflettori su vicende che continuano a sconvolgere e a straziare.

 

di Serena Compagnone

Volontaria del Servizio Civile di OPES – Estero (Valencia)

 

 

 

 

@Photocredits: Serena Compagnone, Gaia Magnani e Paola Martinelli

 

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Inquinamento ambientale, cosa succede in Italia?: “Almeno 80 mila morti prematur...

Gli ultimi giorni sono stati caratterizzati da una notizia che ha generato diversi confronti, anche polemici: Milano terza città nel mondo per inquina...

Salute, tumore al seno: un test salivare per la diagnosi, lo studio

Un recente studio pubblicato sul Journal of Vacuum Science & Technology B. potrebbe rivoluzionare le modalità e accelerare le tempistiche per la d...

Sinner: vincere ed essere un esempio per i giovani

Un’altra vittoria in un torneo del circuito ATP, un’altra dichiarazione che eleva ancor di più la sua caratura. Jannik Sinner non smette di stupire. V...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news