Il Cinema resiste: ai Golden Globe, 17 nomination per Barbie e Oppenheimer

Dopo la fase più acuta della pandemia, sembrava che le sale cinematografiche di mezzo mondo fossero pronte a chiudere i battenti. Un po’ a causa del terreno guadagnato dai servizi di streaming; un po’ perché le sale al chiuso con l’obbligo della mascherina e i prezzi più alti hanno allontanato i fruitori. Sta di fatto però che oggi, a distanza di tre anni e mezzo, il cinema c’è ancora. Alcune sale hanno chiuso, altre sono rimaste aperte per miracolo, ma sembra che la magia dell’arena con le poltroncine rosse e il profumo di pop corn che ne satura l’aria stia ritornando. 

A proposito di magia, durante la giornata di lunedì 11 dicembre sono stati resi noti i titoli delle pellicole candidate ai prossimi Golden Globe. Ebbene, tra questi non solo c’è “Io Capitano” di Matteo Garrone, che si fa dunque portavoce dell’Italia all’81esima edizione della kermesse, ma anche “Barbie” e “Oppenheimer” che hanno avuto proprio il potere di riempire le sale su scala globale durante il periodo estivo. Una bella sfida, che ha fatto bottino: successo strepitoso e incassi record. 

Cinema, le nomination ai Golden Globe: Barbie e Oppenheimer on top, Meryl Streep da record

La cerimonia si terrà il prossimo 7 gennaio 2024, subito dopo le feste natalizie. Come si anticipava, l’ultimo film di Matteo Garrone ha ottenuto una candidatura nella categoria miglior film straniero (insieme a: Anatomy of Fall, Foglie al Vento, Past Lives, Society of the Snow e The Zone of Interest). Meryl Streep, invece, segna un nuovo record: con l’ultima candidatura arrivata (come miglior attrice non protagonista per la serie tv targata Disney+ “Only Murders in the Building”) conta 33 nomination in carriera, traguardi da inchino. 

Ma sono ancora una volta i numeri di Barbie e Oppenheimer a sorprendere. Il primo, diretto da Greta Gerwig, vanta ben nove nomination, di cui tre come miglior canzone (cosa mai accaduta prima); mentre il secondo, che porta la firma di Christopher Nolan, otto. Due generi estremamente diversi tra loro, accomunati da un unico destino: il trionfo. Un enorme trionfo per entrambe le pellicole uscite tra luglio e settembre 2023 nei cinema di tutto il mondo. Barbie è il 14esimo film della storia per incassi, Oppenheimer il terzo maggior incasso mondiale del 2023.

Sono stati dedicati, a entrambi i film, numeri spropositati di articoli, servizi, e post social. Il cinema c’è ancora e ha ancora la possibilità di raccontare storie e di farlo nel proprio tempio. 

I numeri in Italia: da “Cinema Revolution” al successo strepitoso della pellicola diretta da Paola Cortellesi

Anche nel Bel Paese i numeri sembrano essere condizionati da un trend positivo. Stando alle rilevazioni Cinetel relative agli incassi di settore, a dicembre dello scorso anno gli incassi del box office erano 306.622.567 euro, con un numero di presenze in sala pari a 44.535.891. Numeri di gran lunga superiori rispetto al 2021. Quanto all’anno in corso, non sono ancora stati rilasciati i dati ufficiali, ma Barbie, Oppenheimer e “C’è ancora domani”, l’ultimo film di Paola Cortellesi che ha incassato quasi 30 milioni di euro, offrono prospettive entusiastiche. 

C’è poi da considerare l’iniziativa del Ministero della Cultura “Cinema Revolution”, 16 giugno – 16 settembre, che ha consentito a migliaia di fruitori di acquistare i biglietti per il cinema a soli 3 euro e 50. I dati relativi a tale attività sono stati presentati, alla presenza del Ministro Sangiuliano, all’80esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: 13 milioni di presenze nelle sale cinematografiche italiane registrate durante il periodo 11 giugno – 27 agosto 2023 con un aumento del +13,6% delle presenze e del 21,8% degli incassi rispetto allo stesso periodo del 2019, quindi in una fase pre-pandemica. 

Che sia in atto una rinascita? Non lo sappiamo, ma una cosa è certa: il cinema è vivo.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Abodi: “Presto un tavolo tecnico permanente con gli Assessori regionali al...

Al lavoro affinché lo sport incida profondamente sulla società e sulla vita degli italiani. Dopo aver presentato un pacchetto da oltre 150 milioni per...

Parigi 2024: i portabandiera saranno Arianna Errigo e Gianmarco Tamberi

Giovanni Malagò aveva promesso che il 22 aprile l’Italia avrebbe conosciuto i nomi dei portabandiera ai Giochi Olimpici di Parigi 2024 e così è stato....

Rugby integrato: tutto pronto per il 1° Torneo inclusivo “Natale di Roma&#...

Bufali rossi, Invictus Prato, Sieci & Brancaleoni, Pontedera Pisa, Tigri rosse e blu Civita Castellana e, naturalmente, i padroni di casa dell’Uni...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news