Mezzi pubblici inclusivi: l’iniziativa della Regione Marche per le persone ipovedenti

Rendere accessibili i mezzi pubblici e favorire l’inclusione sociale: questi sono i motivi che hanno caratterizzato l’incontro tra la Regione Marche e l’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti delle Marche dello scorso 6 marzo. 

L’appuntamento ha visto l’assessore ai Trasporti Goffredo Brandoni e i rappresentanti dell’Uici Marche (Unione italiana ciechi e ipovedenti) confrontarsi con le aziende di trasporto pubblico (A.T.M.A., Trasfer, Contram Mobilità, Adriabus, Start Plus, le due associazioni di categoria ASSTRA e ANAV Marche) per condividere possibili intese affinché i mezzi di trasporto siano progettati in modo da rispondere alle esigenze delle persone con disabilità visive. 

Nessuno deve sentirsi trascurato dalla Regione

Un meeting, dunque, volto ad ascoltare le problematiche delle persone cieche e ipovedenti e ad attivare misure di supporto per i loro spostamenti con i mezzi del trasporto pubblico locale.

Una audizione per raccogliere fabbisogni e condividere tutte le proposte che possano migliorare i servizi per le persone cieche e ipovedenti – ha dichiarato Brandoniper questo, facendo seguito ai precedenti incontri, abbiamo convocato una nuova seduta per fare il punto sullo stato dei lavori messi in atto, ascoltare le parti e provvedere a migliorare la situazione di questa categoria di viaggiatori. Affinché nessuno si senta trascurato dalla Regione”.

Le persone con disabilità visiva non possono guidare – ha aggiunto Stefania Terrè, vicepresidente Uici Marche – per questo l’utilizzo dei mezzi pubblici è di fondamentale importanza nella nostra quotidianità. Inoltre, agevolando la mobilità sui mezzi di trasporto si contrasta l’isolamento e si incentivano giovani e adulti a partecipare attivamente alla vita sociale”.

Infine ha concluso: “Trovare un accompagnatore non è affatto facile per questo prevedere la gratuità del trasporto per queste persone è assolutamente necessario: Uici Marche ringrazia l’assessore e i dirigenti delle aziende di TPL per aver accolto questa richiesta insieme alle altre portate al tavolo”.

L’impegno della Regione Marche e le iniziative proposte

Un approccio che vede coinvolte per la prima volta tutte le parti interessate in un confronto diretto con le aziende del trasporto, per attuare nuove modalità operative sia sul fronte dei dispositivi in dotazione dei mezzi che possano agevolare la categoria di utenti non vedenti (tra questi, annunci sonori, posto riservato anche al cane guida e l’attivazione delle app) sia sul personale di bordo prevedendo una adeguata formazione degli autisti, nonché sulla politica tariffaria a favore di queste categorie di utenti.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

“Dentro e fuori dal ring”: Blandamura presenta in Campidoglio il nuovo libro scr...

Grandi ospiti, una platea entusiasta, una cornice spettacolare: la presentazione del libro “Dentro e fuori dal ring: non conto le vittorie, ma le scon...

Wimbledon: sconfitta in finale per Jas Paolini, ma che momento per il tennis ita...

Sfuma il sogno di Jasmine Paolini di alzare in cielo il trofeo di Wimbledon. La toscana classe 98’ cede in finale per tre set (6-2, 2-6, 6-4) contro l...

Al CONI va in scena la terza edizione delI’Invictus Day: “Mandela from Rom...

“Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di ispirare, di unire le persone in una maniera che pochi di noi possono fare. Parla ai giov...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news