Servizio Civile Universale: pubblicato il bando per 52.236 operatori

Arriva una nuova e importante opportunità per i giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni: il bando ufficiale per partecipare al Servizio Civile Universale. Un’occasione di crescita personale e professionale che ambisce a restituire a ragazze e ragazzi skills umane e lavorative di estrema rilevanza per il futuro che li attende. 

Il bando, pubblicato lo scorso 22 dicembre, mette a disposizione la selezione di 52.236 operatori volontari da impiegare, quindi, in progetti afferenti a programmi di intervento di Servizio civile universale da realizzarsi in Italia e all’estero.

Si potrà aderire all’iniziativa fino alle ore 14.00 del 15 febbraio 2024. Sarà necessario accedere al portale predefinito e presentare la domanda per uno dei progetti che andranno poi a realizzarsi per il 2024/2025, in Italia, ma anche oltre i confini. 

Servizio civile: perché aderire

Quella del Servizio Civile Universale è un’esperienza intensa, che, a detta di chi l’ha vissuta, “vale più di un master o di una laurea”. Risorse.news ha recentemente intervistato un operatore volontario, Mariano Vitale, volato in Portogallo per prendere parte all’inziativa, dopo aver aderito a un progetto promosso da OPES Aps.

Vitale ci quindi ha raccontato:  “Ho collaborato con ‘A Tal Emersa’, un’associazione giovane, visto che non ha due anni di vita, ma già ben strutturata e con tanta voglia di affermarsi nel territorio. Oltre a collaborare alla creazione e realizzazione di 4 eventi culturali nel corso dell’anno, che mi hanno permesso di conoscere artisti e musicisti provenienti da ogni angolo del mondo, ho avuto la fortuna di vivere un’esperienza davvero stimolante”(qui l’intervista completa). 

Altresì, lo scorso maggio, abbiamo chiesto all’assessora ai Servizi educativi, ai Giovani e alle Periferie della città di Torino, Carlotta Salerno, perché un giovane dovrebbe intraprendere la strada del SCU; Salerno non ha avuto dubbi nel chiarire che tali attività forniscono elementi di professionalizzazione e consentono di uscire dalla comfort zone e di confrontarsi con nuove realtà (clicca qui per l’intervista completa). Dunque, un modo efficace per mettersi in gioco e trovare la propria strada. 

D’altra parte, anche il Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, ha più volte ribadito quanto il SCU possa giovare alla formazione di una società giusta.

C’è un ulteriore valore aggiunto: con il DL 44/2023, Disposizioni urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle amministrazioni pubbliche, varato lo scorso giugno, si è ratificato che: “A favore degli operatori volontari che hanno concluso il servizio civile universale senza demerito è riservato il 15 per cento dei posti nei concorsi per l’assunzione di personale non dirigenziale nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché nelle aziende speciali e nelle istituzioni di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267”. Dunque, una possibilità concreta per tutti gli operatori che hanno portato a termine con successo il proprio percorso nel Servizio Civile.

Progetti e operatori: i numeri

Quanto al bando pubblicato la scorsa settimana, il documento chiarisce che: 51.132 operatori volontari saranno avviati in servizio in 2.023 progetti, afferenti a 328 programmi di intervento, da realizzarsi in Italia;

1.104 operatori volontari saranno avviati in servizio in 160 progetti, afferenti a 30 programmi di intervento, da realizzarsi all’estero;

Va aggiunto, inoltre, che i progetti hanno una durata tra 8 e 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1.145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi, articolato su cinque o sei giorni a settimana.

Gli operatori volontari selezionati, poi, sottoscrivono con il Dipartimento un contratto che fissa, tra l’altro, l’importo dell’assegno mensile per lo svolgimento del servizio in € 507,30 salvo incremento sulla base della variazione, accertata dall’ISTAT.

Per saperne di più, consultare gli allegati e partecipare all’iniziativa clicca qui.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Scuola e accessibilità in Italia: i numeri sulla carenza di insegnanti specializ...

All’inizio del mese di febbraio l’ISTAT ha pubblicato il report “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità 2022/2023”, condividendo dati poc...

Gli agricoltori di nuovo a Bruxelles: le proteste, la PAC e le proposte

Detriti lasciati sull’asfalto, cumuli di macerie bruciate, disagi alla circolazione e tensione alle stelle per via dei blocchi della polizia forzati. ...

Progetto Airone: la formazione dedicata ad Avvocati, Magistrati e Tutori sul tem...

Il progetto Airone, realizzato dall’associazione il Giardino Segreto e lanciato ufficialmente nel maggio del 2022, nasce per supportare gli orfani del...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news