Il successo del Gala dello Sport di OPES 2023: Lo sport per tutti, tutti per lo sport

Si è conclusa, nel migliore dei modi, la quinta edizione del Gala dello Sport. Il foyer dello Stadio Olimpico di Roma ha ospitato la serata dedicata allo sport e alla solidarietà promossa da OPES. Numerose le personalità del mondo dello sport, delle istituzioni e del Terzo Settore intervenute portando il proprio contributo, tra queste: il Ministro per lo Sport e i Giovani, Andrea Abodi, il Viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Maria Teresa Bellucci, il Vicepresidente vicario del CONI, Silvia Salis, il Presidente di Sport e Salute, Marco Mezzaroma, Alessandro Onorato, assessore al Turismo, Grandi Eventi e Sport del Comune di Roma, e l’on. Marco Perissa, Componente della VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione). 

L’iniziativa, a sostegno della Fondazione Bambino Gesù Onlus e del Progetto Filippide (qui per approfondire), si è confermata ancor di più una delle serate charity di punta della Capitale.

Ricordiamo che la kermesse è stata realizzata con la partecipazione della Regione Lazio, il partner istituzionale Istituto per il Credito sportivo, e con il patrocinio del Ministero dell’Interno, del Ministero per l’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste, del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, del Ministero della Cultura, del Ministero del Turismo, del Ministro per lo Sport e i Giovani, del Ministero della Disabilità, dell’Agenzia Italiana per la Gioventù, di Roma Capitale assessorato allo Sport, del CONI, del CIP, di Sport e Salute Spa.

E ancora con il sostegno della FIGC, della Fondazione italiana pallavolo, della FIR, dell’AS Roma, del Frosinone Calcio, della SS Lazio, di Confcooperative Roma, della Consulta Terzo Settore OPES, del Dott. Marco Coletta, della Fondazione Sicurezza e Libertà, di Lead broker&consulting, del Comitato Provinciale di OPES Roma e del Comitato Provinciale di OPES Latina.

gala dello sport sala

Dal tour dello Stadio, passando per la convivialità dell’aperitivo, fino ad arrivare alla cena e all’apertura dell’asta solidale “Lo sport per tutti, tutti per lo sport”: una serata di festa che ha raccontato un mondo fatto di mani che ancora si stringono e che, insieme, fanno rete. 

Il Gala dello Sport dalla A alla Z

Dapprima il tour del tempio del calcio capitolino, dove chi vi ha preso parte ha potuto attraversare corridoi che ne avrebbero di storie incredibili da raccontare. Tra il giallorosso dell’AS Roma, il celeste della SS Lazio, e l’azzurro della Nazionale, il percorso fino all’ingresso in campo ha incantato ed emozionato, con i propri colori, i presenti. Tanta passione, tanto talento, tanta storia.

A seguire, gli ospiti della serata hanno ascoltato con attenzione le parole delle personalità che hanno portato i propri saluti, introdotti dal Presidente di OPES, Juri Morico. Frequenti i riferimenti alle modifiche dell’articolo 33 della Costituzione italiana, che sancisce l’ingresso dello sport nella Carta. Il Ministro Abodi ha in proposito riferito: “Allo stato attuale è largamente inattuato quello che la Costituzione recita in merito allo sport. Tanti, dunque, gli impegni che dovranno rendere onore alla Costituzione e soprattutto alla nostra missione nei confronti dello sport“. Non un monito, ma una vera e propria promessa affinché venga davvero riconosciuto “il valore educativo, sociale e di promozione del benessere psicofisico dell’attività sportiva in tutte le sue forme”.

Poi la cena, intervallata da speech e condivisioni di enorme spessore. Quindi l’intervento, tra una portata e l’altra, di Dante Mortet, artigiano romano, che ha realizzato con grande maestria un calco delle mani e dei piedi dell’unico e solo Pelè (opere esposte nel foyer dell’Olimpico durante la kermesse); il discorso motivazionale di Elena Pantaleo, pluricampionessa di kickboxing e consigliere del CONI, il saluto del Cardinal Ravasi e, infine, la lettura della lettera a firma del Ministro della disabilità, Alessandra Locatelli

L’apertura dell’asta

E quindi il clou, il centro intorno al quale ruota il Gala dello Sport: la solidarietà. Lo scorso anno grazie alla charity dinner e ad altre iniziative che si sono protratte per tutta la durata delle festività natalizie, OPES ha raccolto 13 mila euro, che sono stati poi donati ai progetti “Adotta un atleta”, “Zona luce”, “A scuola di sci grazie al dual ski” e “Stella Azzurra Summer Camp”, promossi rispettivamente da Servizio Missionario Giovani, Fondazione Scholas Occurrentes, 1 Caffè Onlus e Associazione Nord Ovest Onlus e dal Circolo Sportivo Stella Azzurra.

gala dello sport cimeli

Quest’anno, destinatari delle donazioni, come già anticipato, sono la Fondazione Bambino Gesù e il Progetto Filippide. L’asta che, per questa edizione ha previsto cimeli incredibile, è stata aperta alle 22.00 della serata di Gala e terminerà il 28 marzo 2024. 100, dunque, i giorni per donare.

Per partecipare è necessario inviare una pec all’indirizzo beneficenzaopes@pec.it, inserendo i propri riferimenti (nome e cognome), il nome del cimelio e la propria offerta. In più, sarà importante allegare al messaggio di posta elettronica la copia della carta d’identità, nel caso in cui l’interesse arrivi da una persona fisica, o la visura camerale e il documento d’identità del legale rappresentante o del sottoscrittore, qualora la proposta provenga da una realtà profit o non-profit.

Ma quali sono i cimeli?

Oltre alle maglie autografate di Pelè e Maradona, andranno all’asta, sostenuta dal Gala dello Sport, anche la maglia della Nazionale italiana di calcio numero 14, autografata da Federico Chiesa, la numero 90 della AS Roma con l’autografo di Romelu Lukaku, la numero 17 della Lazio con la firma autentica di capitan Ciro Immobile e la 30 del Frosinone, appartenente ad Ilario Monterisi, con le firme dello stesso difensore classe 2001 e di altri suoi compagni di squadra, tra cui Soulè, Mazzitelli, Romagnoli e Marchizza.

Inoltre, saranno battute anche le maglie della Nazionale di rugby, con gli autografi degli Azzurri, e la casacca Azzurra di Paola Egonu.

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Tek od faksa do faksa 2024, tra sport e solidarietà: il racconto della gara slov...

Sport, passione e solidarietà: le tre componenti che hanno caratterizzato la gara Tek od faksa do faksa 2024 (corsa delle facoltà universitarie) dello...

400 milioni per tenere aperte le scuole in estate: il decreto firmato da Valdita...

Importanti novità per il mondo scuola. Lo scorso settembre, il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, aveva aperto alla possibilit...

Nuove opportunità a supporto dello sport, in arrivo oltre 150 milioni di investi...

Arrivano nuove misure e opportunità a supporto del mondo dello sport. Con un pacchetto da 150 milioni di investimenti, presentato martedì 9 aprile all...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news