Guida al Mondiale Femminile: le cinque giocatrici da tenere d’occhio

Quello che si terrà tra il 20 luglio e il 20 agosto 2023 in Australia e Nuova Zelanda è il Mondiale femminile più atteso e discusso di sempre. Se da una parte è un bene, percse ne parla, dall’altra ha evidenziato quanto ancora ci sia da lavorare per elevare il calcio femminile. 

Il percorso verso il professionismo

Non dimentichiamo che fino a una quarantina di anni fa, i ritmi del gioco non erano quelli che possiamo vedere oggi sui campi della Serie A ma anche delle Leghe minori. 

Sì perché dal 2017/2018 diversi club si sono finalmente affacciati al mondo del calcio femminile, investendo molto nel movimento con strutture di allenamento all’avanguardia, supportando il miglioramento dell’organizzazione delle massime divisioni europee, acquistando giocatrici importanti e quindi garantendo un calciomercato più competitivo, aumentando i salari delle giocatrici e rendendole professioniste. 

Il percorso verso il professionismo, come si può notare in Italia, ha portato ad una crescita della qualità del calcio giocato incredibile, oltre ad un aumentato del seguito e dei media. Il risultato ottenuto al mondiale francese ne è stato la conferma. La nazionale è stata capace di giocarsela alla pari con squadre stabilmente nel top ranking mondiale. Ciò ha portato ad un boom di ascolti per le partite. Italia-Brasile, infatti, ha raggiunto quasi 7 milioni di telespettatori in Italia. Una cifra impensabile solo fino a qualche giorno prima.

Le cinque giocatrici da tenere d’occhio per il Mondiale Femminile 2023

Tornando ai prossimi Mondiali, sono cinque le calciatrici da tenere d’occhio. Ognuna presenta delle specifiche caratteristiche tecniche; ognuna ha alle spalle un percorso sportivo e di vita; ma tutte loro scendono in campo, il prossimo 20 luglio, per realizzare un sogno e portare a casa il titolo.

Lena Oberdorf, centrocampista – Wolfsburg: la stella nascente

Una finale dell’Europeo e una finale di Champions League da protagonista assoluta. Non scontato per una ragazza di soli 21 anni. Cresciuta giocando nelle squadre giovanili maschili tedesche, nel 2018 riesce ad ottenere un contratto con il Sgs Essen e cattura subito le attenzioni dei migliori osservatori teutonici, in particolari di quelli del Wolfsburg, che non se la fanno scappare e la acquistano nell’estate del 2020. Si rivela quasi subito una calciatrice fondamentale per il gioco di Mister Stroot che le lascia sempre più spazio, dandole così tanta visibilità e consentendole di acquisire esperienza per entrare in ottica nazionale, di cui oggi è diventata un perno. È dotata di un’ottima visione di gioco, cattiveria agonistica e precisione tecnica. Come non fare menzione dei suoi contrasti: di lì non si passa. All’Europeo 2022 è stata nominata miglior giovane del torneo e quest’anno si è praticamente ripetuta vincendo il premio di miglior giovane della Women’s Champions League. 

Aitana Bonmatì, centrocampista – FC Barcelona: la più in forma

Miglior giocatrice della finale di Women’s Champions League giocata contro le bicampionesse del Wolfsburg, finendo il torneo con 5 gol e 8 assist. Basterebbe questo per dire che, ad oggi, è la giocatrice più in forma. Che fosse importante nello scacchiere blaugrana si era capito da anni, ma l’assenza di Alexia l’ha messa in risalto e sia nello spogliatoio che in campo è riuscita a non farne pesare l’assenza, migliorando, rendendo il suo gioco più efficace di quanto non lo fosse prima. Riconquista il pallone, si smarca, tira, tutte cose che alla classe ‘98 risultano naturali. Vederla giocare con tanta semplicità è un piacere per i palati più raffinati. A soli 25 anni è diventata una giocatrice fondamentale sia per la Nazionale sia del Barcellona. 

Valentina Giacinti, attaccante – AS Roma: pronta per affermarsi  

Non possiamo non menzionare Valentina Giacinti, l’attaccante che quest’anno a forza di gol ha portato l’AS Roma femminile a uno Scudetto storico. Venuta a Roma come l’acquisto più atteso, non si è fatta tanto attendere e a suon di reti si è fatta subito amare, finendo la stagione con 13 gol e 4 assist. La cattiveria sotto porta è uno dei suoi punti di forza, dentro l’area di rigore ogni pallone è suo. Un’attaccante che può giocare sia da centravanti puro, che da doppia punta, girando intorno alla sua compagna di reparto può attaccare la profondità e diventare devastante. Una vera bomber ritrovata, viste le ultime due stagioni non molto prolifiche per l’attaccante, che a Roma ha conquistato tutto ciò che le mancava. Giacinti di certo non si lascerà sfuggire l’appuntamento con il gol al Mondiale femminile, dove sarà chiamata al riscatto dopo la delusione agli Europei.


Alexia Putellas, centrocampista/attaccante – FC Barcellona: la più forte

Sicuramente è la calciatrice più forte del torneo e lo testimoniano i due palloni d’oro vinti consecutivi negli ultimi due anni, che l’hanno resa la giocatrice che ha collezionato più premi individuali della storia del calcio spagnolo, colleghi uomini inclusi. Bisognerà vedere se sarà la più in forma. La rottura del crociato rimediata durante un allenamento in preparazione dell’Europeo 2022 l’ha tenuta fuori dal campo fino allo scorso maggio e ancora non si è ripresa al 100%. Sembrerebbe che Vilda le faccia fare ancora parte dell’allenamento individualmente perché non ha i 90′ nelle gambe. I grandi atleti, però, ci hanno sempre abituato a prestazioni indimenticabili anche in condizioni fisiche precarie. Dove non arriva il fisico, arrivano testa e cuore. 

Grace Geyoro, centrocampista – Paris Saint Germain: talento puro

Esplosa durante Euro ’22, ed entrata nella storia siglando una tripletta nei primi 45′ di gioco (unica giocatrice a riuscirci), sarà chiamata a ripetere le sontuose prestazioni viste durante gli Europei al prossimo Mondiale femminile. Una centrocampista box to box, dominante nel recupero palla in fase difensiva, abilissima a inserirsi tra le linee avversarie in fase offensiva. Con la sua classe e velocità riesce a dominare a centrocampo, diventando pedina inamovibile della Nazionale Francese.

 

di Davide Morganti,

Volontario Servizio Civile Universale

Altro dall'autore

Post correlati

Advertismentspot_img

Ultimi articoli

Ranieri Salvini, il calcio in Sudafrica e l’umanità di una pelota che R...

“La pelota no se mancha”. Con queste parole, pronunciate dinanzi ai suoi fedeli che erano presenti alla Bombonera (Stadio Alberto José Armando di Buen...

Torna al Foro Italico per la IX edizione “Tuffi Adapted”: il Campionato di tuffi...

Tuffi senza barriere, “Tuffi Adapted”: questo il titolo dell’iniziativa sportiva inclusiva dedicata alla disciplina acquatica - giunta ormai alla IX e...

Erasmus+ 2021-27 e oltre: ENGSO in prima linea per il futuro dello sport di base...

Giunti già alla metà del settennato del programma Erasmus+ 2021-2027, la Commissione Europea dovrà effettuare, entro il 31 dicembre 2024, la valutazio...

Vuoi rimanere aggiornato? Iscriviti alla newsletter di Risorse.news